Uscite di speranza voi ch’entrate: un caso esemplare di riuso dantesco tra Cinque e Seicento