Verso il riconoscimento di un diritto alla scienza?