Su alcune riscritture dantesche in Chateaubriand