Il contributo propone una nuova sistemazione critica per le cosiddette ‘Myricae latine’, traduzioni in versi di liriche della nota raccolta poetica di Giovanni Pascoli attribuite comunemente all’autore. Dati filologici e stilistici portano invece a revocare tale attribuzione e a considerare i testi come esercizi di composizione della sorella del poeta. Viene inoltre pubblicata l’inedita traduzione d’autore del sonetto myriceo "La siepe", significativo documento dell’impegno costante nell’esplorazione del linguaggio poetico latino da parte del Pascoli.

F. Galatà, Le Myricae latine del Pascoli e un’ignota traduzione de La siepe, «Bollettino di Studi Latini», 49 (genn.-giugno 2019), 200-19

galatà francesco
2019

Abstract

Il contributo propone una nuova sistemazione critica per le cosiddette ‘Myricae latine’, traduzioni in versi di liriche della nota raccolta poetica di Giovanni Pascoli attribuite comunemente all’autore. Dati filologici e stilistici portano invece a revocare tale attribuzione e a considerare i testi come esercizi di composizione della sorella del poeta. Viene inoltre pubblicata l’inedita traduzione d’autore del sonetto myriceo "La siepe", significativo documento dell’impegno costante nell’esplorazione del linguaggio poetico latino da parte del Pascoli.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/3170976
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact