Editoriale. Le Regioni per differenziare, lo Stato per unire. A ciascuno il suo