«Se occhi io non avea, io pure vidi». Filigrane dantesche e metaletteratura nel Paradiso degli Alberti