Il presente saggio si propone l’analisi della prima opera di Curzio Malaparte, Viva Caporetto! (poi La rivolta dei santi maledetti) allo scopo di delineare un’idea di popolo che ne emerge. A tal fine, si terrà conto delle modalità con le quali il giovanissimo autore s’inserisce nel vivo del dibattito intellettuale che segna gli anni del primo dopoguerra e si tenterà di individuarne la specificità dell’idea di popolo di Malaparte al confronto con le opere di altri autori del periodo.

«Nel cerchio della guerra cristianamente». L’idea di popolo ne La rivolta dei santi maledetti

Paolo Pizzimento
2017

Abstract

Il presente saggio si propone l’analisi della prima opera di Curzio Malaparte, Viva Caporetto! (poi La rivolta dei santi maledetti) allo scopo di delineare un’idea di popolo che ne emerge. A tal fine, si terrà conto delle modalità con le quali il giovanissimo autore s’inserisce nel vivo del dibattito intellettuale che segna gli anni del primo dopoguerra e si tenterà di individuarne la specificità dell’idea di popolo di Malaparte al confronto con le opere di altri autori del periodo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3185624
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact