La “storia” di Hannah Arendt. Comprensione e giudizio