La «Testa del Filosofo» da Porticello: una proposta di identificazione