De albo nigrum. Il giudizio giuridico come sequenza di atti linguistici