Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione: mero consulente o vero e proprio garante?