La sentenza in commento affronta il problema dei rapporti tra desistenza volontaria e tentativo compiuto, aderendo al più rigoroso (e non del tutto condivisibile) orientamento giurisprudenziale che nega la compatibilità dei due istituti. Pur condivisibile nelle conclusioni cui perviene la decisione appare criticabile in ragione del debole impianto argomentativo che le sorregge: da un lato, viene pretermesso ogni riferimento al profilo della volontarietà; dall’altro, una volta esclusa la desistenza, si omette di valutare la possibilità di riconoscere l’attenuante del recesso attivo. La pronuncia offre l’occasione per fare il punto, in prospettiva tanto de iure condito, quanto de iure condendo, sui parametri di individuazione dei confini tra la desistenza, recesso e tentativo fallito, soprattutto con riferimento “casi limite” nei quali risulta non del tutto chiaro se l’abbandono dell’azione criminosa da parte dell’agente sia dovuto alla “decisiva” interferenza di fattori impeditivi esterni ovvero sia frutto di una decisione libera da condizionamenti .

Gli incerti confini tra desistenza, recesso e tentativo fallito

La Rosa Emanuele
2021

Abstract

La sentenza in commento affronta il problema dei rapporti tra desistenza volontaria e tentativo compiuto, aderendo al più rigoroso (e non del tutto condivisibile) orientamento giurisprudenziale che nega la compatibilità dei due istituti. Pur condivisibile nelle conclusioni cui perviene la decisione appare criticabile in ragione del debole impianto argomentativo che le sorregge: da un lato, viene pretermesso ogni riferimento al profilo della volontarietà; dall’altro, una volta esclusa la desistenza, si omette di valutare la possibilità di riconoscere l’attenuante del recesso attivo. La pronuncia offre l’occasione per fare il punto, in prospettiva tanto de iure condito, quanto de iure condendo, sui parametri di individuazione dei confini tra la desistenza, recesso e tentativo fallito, soprattutto con riferimento “casi limite” nei quali risulta non del tutto chiaro se l’abbandono dell’azione criminosa da parte dell’agente sia dovuto alla “decisiva” interferenza di fattori impeditivi esterni ovvero sia frutto di una decisione libera da condizionamenti .
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
LA ROSA_giurit_2021_12_Desistenza.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 929.7 kB
Formato Adobe PDF
929.7 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3215936
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact