Il presente contributo, prendendo spunto da richieste di riconoscimento giurisprudenziale di un presunto diritto alla mono-genitorialità, analizza il fenomeno della pma per i singles alla luce delle diverse concezioni etiche del procreare, giungendo alla conclusione che la legge 40 sulla pma vada interamente riscritta attraverso un intervento normativo orientato nel senso di una laica mediazione, nel quadro del pluralismo delle concezioni etico-religiose presente nella società, che sappia coniugare il diritto di autodeterminazione con il dovere di solidarietà.

Il presunto diritto alla mono-genitorialità e le scelte etiche di inizio-vita

Fortunato Freni
2022-01-01

Abstract

Il presente contributo, prendendo spunto da richieste di riconoscimento giurisprudenziale di un presunto diritto alla mono-genitorialità, analizza il fenomeno della pma per i singles alla luce delle diverse concezioni etiche del procreare, giungendo alla conclusione che la legge 40 sulla pma vada interamente riscritta attraverso un intervento normativo orientato nel senso di una laica mediazione, nel quadro del pluralismo delle concezioni etico-religiose presente nella società, che sappia coniugare il diritto di autodeterminazione con il dovere di solidarietà.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3228358
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact