Il libro comincia con una minuziosa e precisa ricerca sugli esperimenti di Eleonor Rosch riguardanti la scoperta del prototipo. In questa nuova prospettiva le categorie non sono definite da condizioni necessarie e sufficienti di inclusione, ma hanno caratteri e confini sfumati e si compongono di una struttura interna fatta di esemplari centrali più rappresentativi e di esemplari periferici e marginali. Questa scoperta ha messo in crisi l`approccio classico alla categorizzazione secondo cui le idee sono delle astrazioni dal reale dotate di proprietà definitorie e ogni singolo elemento afferisce all`insieme delineato dalla categoria solo se le possiede in modo assoluto. Questa visione del sistema logico, che ha la sua matrice in Aristotele, ha governato il dibattito filosofico e psicologico, dalla filosofia greca fino a Kant, da Hegel fino alla filosofia del linguaggio del Novecento e a tutte le grandi teorie dello sviluppo infantile come quelle di Piaget e di Vygotskij. Anche la psicolinguistica più avanzata si trova ad affrontare i problemi scaturiti da questa impostazione. Dunque, l`emergere del nuovo paradigma non poteva non creare un fermento inatteso negli studi di linguistica e di psicologia. Dopo i primi entusiasmi sono emersi però degli sviluppi e delle importanti revisioni della teoria prototipica, di cui si sono arricchite sia le scienze cognitive che le scienze del linguaggio. Fra i tanti problemi affrontati nel volume vi sono quelli delle relazioni cognitive fra ambito astratto dei concetti e ambito empirico degli oggetti, fra livello simbolico-proposizionale e livello analogico-visivo della conoscenza, fra concetti e significati linguistici. Il dibattito di cui il libro rende conto è stato decisivo, fra gli altri, per la nascita di quel framework moderno che si suole chiamare semantica cognitiva. La teoria delle categorie è uno dei capitoli più stimolanti e più innovativi di questo quadro teorico. Il libro offre una rassegna articolata delle teorie e dei modelli scaturiti da questo ambito fondamentale dello studio dei meccanismi del pensiero e del funzionamento della mente umana.

Il nuovo paradigma. Categorie prototipi e semantica cognitiva.

VELARDI, Andrea
2005

Abstract

Il libro comincia con una minuziosa e precisa ricerca sugli esperimenti di Eleonor Rosch riguardanti la scoperta del prototipo. In questa nuova prospettiva le categorie non sono definite da condizioni necessarie e sufficienti di inclusione, ma hanno caratteri e confini sfumati e si compongono di una struttura interna fatta di esemplari centrali più rappresentativi e di esemplari periferici e marginali. Questa scoperta ha messo in crisi l`approccio classico alla categorizzazione secondo cui le idee sono delle astrazioni dal reale dotate di proprietà definitorie e ogni singolo elemento afferisce all`insieme delineato dalla categoria solo se le possiede in modo assoluto. Questa visione del sistema logico, che ha la sua matrice in Aristotele, ha governato il dibattito filosofico e psicologico, dalla filosofia greca fino a Kant, da Hegel fino alla filosofia del linguaggio del Novecento e a tutte le grandi teorie dello sviluppo infantile come quelle di Piaget e di Vygotskij. Anche la psicolinguistica più avanzata si trova ad affrontare i problemi scaturiti da questa impostazione. Dunque, l`emergere del nuovo paradigma non poteva non creare un fermento inatteso negli studi di linguistica e di psicologia. Dopo i primi entusiasmi sono emersi però degli sviluppi e delle importanti revisioni della teoria prototipica, di cui si sono arricchite sia le scienze cognitive che le scienze del linguaggio. Fra i tanti problemi affrontati nel volume vi sono quelli delle relazioni cognitive fra ambito astratto dei concetti e ambito empirico degli oggetti, fra livello simbolico-proposizionale e livello analogico-visivo della conoscenza, fra concetti e significati linguistici. Il dibattito di cui il libro rende conto è stato decisivo, fra gli altri, per la nascita di quel framework moderno che si suole chiamare semantica cognitiva. La teoria delle categorie è uno dei capitoli più stimolanti e più innovativi di questo quadro teorico. Il libro offre una rassegna articolata delle teorie e dei modelli scaturiti da questo ambito fondamentale dello studio dei meccanismi del pensiero e del funzionamento della mente umana.
Filosofia del linguaggio e scienze cognitive
887820188X
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/7450
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact