Linguaggio, coscienza, azione. Il caso Bergson