Il presente saggio esamina le risposte dell'ordinamento statunitense alla pena capitale, in particolare la sua medicalizzazione, in connessione con il problema del ruolo partecipativo dei sanitari (alla luce dei loro doveri etici e del loro credo religioso), in comparazione con altre "scelte tragiche" compiute dallo stesso ordinamento (il suicidio assistito), ove vengono a confronto il giusto e l'utile, i diritti individuali (di autodeterminazione e di libertà religiosa) e le pretese statali.

"Uccisione legale" e "suicidio assistito": il paradosso statunitense delle labili frontiere della "legitimate medicine".

MADERA, Adelaide
2008

Abstract

Il presente saggio esamina le risposte dell'ordinamento statunitense alla pena capitale, in particolare la sua medicalizzazione, in connessione con il problema del ruolo partecipativo dei sanitari (alla luce dei loro doveri etici e del loro credo religioso), in comparazione con altre "scelte tragiche" compiute dallo stesso ordinamento (il suicidio assistito), ove vengono a confronto il giusto e l'utile, i diritti individuali (di autodeterminazione e di libertà religiosa) e le pretese statali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11570/9736
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact