Le dichiarazioni di fine vita tra rigore e pietas costituzionale