Su un caso di micro-riarrangiamenti subtelomerici