La Corte costituzionale ai tempi del maggioritario