Il “metaprincipio” della massimizzazione della tutela dei diritti