L’autovalutazione delle scuole, introdotta con le normative sul Rapporto di Autovalutazione (RAV) e il Piano di Miglioramento (PdM), ha innescato processi complessi all’interno degli istituti scolastici, sia a livello politico-culturale, sia a livello socio-organizzativo. L’impegno di dirigenti scolastici e insegnanti rispetto alle procedure di autovalutazione ha infatti favorito l’emergere di un vivace confronto, ancora in atto, circa le convinzioni, gli atteggiamenti, i linguaggi e i processi logici connessi alla realtà della scuola e della valutazione. Verso quale direzione stanno evolvendo tali aspetti? È attualmente possibile pensare a una loro integrazione funzionale, con autentiche pratiche di autovalutazione e miglioramento delle scuole in termini di efficacia pedagogico-didattica? Di sviluppo collegiale e organizzativo? Di crescita delle professionalità educative? Partendo da tali interrogativi, il Dipartimento di Scienze dell’Educazione ‘G.M. Bertin’ dell’Università di Bologna, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, ha realizzato un percorso di ricerca e accompagnamento dei processi di autovalutazione, quale strumento per il miglioramento degli istituti scolastici. Lo scopo principale è stato quello di individuare punti di forza e criticità di tali processi e mettere a punto suggerimenti e linee guida utili ad accompagnare insegnanti e dirigenti scolastici nell’implementazione del Piano di Miglioramento.

Processi di autovalutazione. Punti di forza, criticità e opportunità di miglioramento

Silva Liliana;
2017

Abstract

L’autovalutazione delle scuole, introdotta con le normative sul Rapporto di Autovalutazione (RAV) e il Piano di Miglioramento (PdM), ha innescato processi complessi all’interno degli istituti scolastici, sia a livello politico-culturale, sia a livello socio-organizzativo. L’impegno di dirigenti scolastici e insegnanti rispetto alle procedure di autovalutazione ha infatti favorito l’emergere di un vivace confronto, ancora in atto, circa le convinzioni, gli atteggiamenti, i linguaggi e i processi logici connessi alla realtà della scuola e della valutazione. Verso quale direzione stanno evolvendo tali aspetti? È attualmente possibile pensare a una loro integrazione funzionale, con autentiche pratiche di autovalutazione e miglioramento delle scuole in termini di efficacia pedagogico-didattica? Di sviluppo collegiale e organizzativo? Di crescita delle professionalità educative? Partendo da tali interrogativi, il Dipartimento di Scienze dell’Educazione ‘G.M. Bertin’ dell’Università di Bologna, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, ha realizzato un percorso di ricerca e accompagnamento dei processi di autovalutazione, quale strumento per il miglioramento degli istituti scolastici. Lo scopo principale è stato quello di individuare punti di forza e criticità di tali processi e mettere a punto suggerimenti e linee guida utili ad accompagnare insegnanti e dirigenti scolastici nell’implementazione del Piano di Miglioramento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11570/3210311
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact